domenica 11 giugno 2017

Captain EO: come nasce l'idea del cortometraggio, curiosità e altri cenni storici



Il film "Captain EO" è un progetto nato per promuovere un'attrazione nel parco di divertimenti Disney a Parigi, Tokyo e Orlando, dal 1986 fino alla fine degli anni '90 ed è temporaneamente tornato nei parchi Disney come tributo a Michael Jackson e permanentemente a Tokyo, dove l'amore Michael è molto speciale.

Il cast è spettacolare: George Lucas, creatore di 'Star Wars' e 'Indiana Jones', Francis Ford Coppola con il suo 'Apocalypse Now', Michael Jackson e 'Thriller' sono gli artefici di questo grande progetto dal budget altrettanto immaginario.

Tra l'altro, il titolo originale doveva essere "Intergalatic Music Man".

Disney voleva promuovere i suoi parchi di Los Angeles e Orlando come innovativi, dotati dell'ultima tecnologia disponibile e di grande potere di convocazione. Hanno contattato Francis Ford Coppola, George Lucas e Michael Jackson e messo a disposizione un budget praticamente illimitato per creare un film che sarebbe stato proiettato soltanto in questi due parchi e nei futuri parchi Disney (Disney Parigi e Tokyo), progetto che ha affascinato Michael: fare qualcosa di unico per i bambini senza nessun massiccio sfruttamento commerciale.

Nella sua autobiografia Michael dedica al film solo tre brevi commenti: uno parla del suo affetto per la Disney, l'altro della trama del film e l'ultimo dove racconta di essere andato allo Sywalker Ranch di George Lucas per parlare del progetto.

Michael Eisner, CEO di 'The Walt Disney Company' aveva in precedenza appoggiato George Lucas con "Indiana Jones" sperando che a sua volta lavorasse su qualcosa per la Disney, infatti nel 1984 lo accompagnò a visitare le strutture con la speranza servisse come ispirazione per un nuovo lavoro . Poi lo susseguì Jeffrey Katzenberg come presidente di studi Disney che attraverso David Geffen (produttore musicale e cinematografico) venne a sapere che Michael Jackson voleva dilettarsi nel mondo del cinema, e pensò che se così fosse stato doveva essere con un film Disney, poiché Eisner era solito dire: "Michael Jackson sa di più di me su Disney", così ha lavorato per coinvolgerlo nel progetto.

"Volevamo creare qualcosa con Michael Jackson che catturasse l'interesse degli adolescenti, dei bambini piccoli e anche dei loro genitori", ha detto Eisner.
A Michael piaceva l'idea, ma per proteggere se stesso, ha insistito sul fatto che George Lucas o Steven Spielberg dovevano far parte del progetto.

Rick Rothschild sviluppò tre storie diverse. Sia Katzenberg che Jackson scelsero lo stesso progetto: Captain EO.
Il nome EO deriva dalla dea greca dell'aurora: Eos. Le sue dita di rose aprono le porte del cielo per lasciare entrare le carrozze del sole.
Rothschild è diventato l'uomo che ha iniziato a dare forma e direzione a questa avventura.

[...]
Spielberg non era disponibile perché era impegnato con il film "Il colore viola". D'altra parte, Lucas stava già lavorando a stretto contatto con la società Disney nel progetto "Star Tours". Allora Lucas convoca Francis Ford Coppola, Rusty Lemorande e Anjelica Huston.

Coppola, vecchio amico di Lucas, aveva bisogno di risanare la sua reputazione dopo il recente fallimento al botteghino del film "The Cotton Club", e venne assunto come regista.

Lemorande, che aveva prodotto e sceneggiato una commedia di fantascienza "Electric Dreams", è stato scelto per preparare la sceneggiatura di Captain EO con il contributo di Coppola e Lucas. Lemorande aveva anche recentemente prodotto "Yentl", e quindi ha ricoperto il ruolo di produttore. E senza essere accreditato, ha lavorato come regista della seconda unità e nel montaggio. Lucas si è accreditato come produttore esecutivo.

Huston, che avrebbe vinto l'Oscar per la sua performance in "L'onore dei Prizzi" nel 1985, doveva interpretare una versione aliena della regina malvagia del classico "Biancaneve" (si dice che questo personaggio ha ispirato la 'Regina Borg' nel film "Star Trek First Contact")

John Napier, vincitore di un Tony Award era appena stato riconosciuto per il suo lavoro nel musical "Cats", aveva il compito di costruire un set in miniatura per testare gli effetti interattivi che erano presenti nel film. Il risultato piacque a Eisner e più tardi, quando Napier ebbe bisogno di alzare il tetto del teatro per rimuovere un interferenza fastidiosa, Eisner approvò immediatamente la spesa aggiuntiva.
Napier ha lavorato anche sui costumi che non solo dovevano rappresentare la natura malvagia del pianeta oscuro ma dovevano essere abbastanza flessibili per permettere ai ballerini di poter danzare in stile Jackson.
"Quello che sto facendo è cercare che i ballerini possano muoversi liberamente senza che perdano pezzi del costume ad ogni movimento'' " Ho aggiunto un sacco di dettagli che dovrebbero funzionare bene in 3D ".

La maggior parte del progetto è stato supervisionato da Katzenberg, ma di tanto in tanto Eisner si affacciava per visionare i progressi perché sentiva che questo era il progetto di cui aveva bisogno per dimostrare che era in grado di rivitalizzare Disneyland.

Jeff Hornaday si era occupato della coreografia di "Flashdance" (1983), e aveva di recente lavorato con Paul McCartney e Jackson in 'Say, Say, Say' e quindi è sembrato naturale la sua aggiunta come coreografo. "Volevamo che la danza fosse un elemento narrativo del racconto, collegato direttamente ai personaggi."
Hornaday, che supervisionava i 36 ballerini, ha detto; "Lavorare con Michael per me è stata un'esperienza unica. Di solito un coreografo sviluppa sequenze di danza e poi li passa ai ballerini. Il talento di Michael e il suo approccio era così unico che avrei limitato me stesso se avessi fatto proprio quello ".

Rick Baker, che aveva fatto parte del team per il make-up del video 'Thriller', è stato ingaggiato per supervisionare il trucco di questo progetto mentre Tom Burman (che aveva lavorato alla famosa "Star Wars Holiday Special") ha progettato il make-up per il personaggio della Huston la quale ha dovuto sottoporsi a sedute di tre ore ogni giorno in modo che il trucco le fosse applicato il più minuziosamente possibile.

Lance Anderson, progettista delle creature del film "Ghostbusters", ha collaborato come co-designer dell'equipaggio di Captain Eo: Hooter, Geex, Major Domo y Minor Domo mentre Baker si è occupato anche di Fuzzball.

James Horner ( "Something wicked this way comes" “Titanic”) ha lavorato alla colonna sonora del film. Jackson aveva scritto due canzoni per se stesso: 'We are here to change the world' e 'Another part of me'.

Effetti speciali
La pre-produzione del progetto ha avuto inizio nel marzo 1985. Le riprese sono durate tre settimane. La stessa grande schermata blu del film di fantascienza della Disney "Black Hole" è stata utilizzata per girare la scena in cui Michael Jackson balla sopra le teste del pubblico.
Non c'è da sorprendersi che questa produzione, con tutti i grandi talenti coinvolti è andato rapidamente fuori budget. Anche se la Disney non ha confermato il costo effettivo, è stato riferito che il film di 17 minuti è costato tra i 17 e i 30 milioni di dollari, che in quel momento l'ha fatto diventare il film più costoso al minuto mai realizzato. Il bilancio iniziale era di $11 milioni. Il fattore determinante è stato il numero di effetti speciali, circa 150 : al minuto sono stati utilizzati più di quanto aveva usato Lucas in" Guerre Stellari ", ha detto Eisner.

Una volta ultimato, Eisner ha ritardato l'uscita del film. Nonostante l'alto costo il risultato finale non era soddisfacente, gli effetti speciali erano mediocri, Michael Jackson non risultava convincente come protagonista, erano state tagliate troppe scene con la Huston e l'umorismo sembrava forzato oltre al fatto che non erano più disponibili Coppola che girava "Peggy Sue Got Married" e Lucas impegnato con "Howard The Duck".
Allora Lucas ha inviato il film alla sua azienda "Industrial Light & Magic" per ritoccare gli effetti speciali, Michael Jackson ha girato delle scene extra e ripetuto delle altre con Lemorande..
Tutto questo ha ritardato l'uscita il film, anche se molti dicono che non era necessario dal momento che il pubblico sarebbe andato a vederlo solo perchè Michael Jackson era il protagonista..

Film e Premiere
Anche se è stato costruito appositamente per Captain EO, il Magic Theater Eye che ospita circa 700 persone è stato aperto nel maggio 1986 con il sorprendente "Magic Journeys" in attesa del debutto di EO. Effetti speciali dal vivo sono stati aggiunti alla presentazione del film, inclusi laser, stelle in fibra ottica ed effetti nebbia, il tutto accuratamente sincronizzato con l'azione sullo schermo.
Frank Wells (Chief Operating Officer di Disney dal 1984 al 1994), rinegoziò il contratto con Kodak, quindi questi accettarono di assumersi una parte dei costi di produzione del film, la costruzione del teatro e il rinnovo del teatro 3D di Epcot (Los Angeles ) per l'adeguamento dei nuovi effetti speciali.

Più di 200 membri della stampa internazionale hanno partecipato all'evento e ospitati nel ristorante 'Tomorrowland Space Place', dove gli sono stati consegnati un kit che comprendeva tra l'altro sei foto e una maglietta commemorativa del film (con una didascalia che diceva "I was here to change the world").

La grande parata di celebrità è iniziata intorno alle 14:00. Molti personaggi famosi hanno partecipato alla premiere del film a Disneyland tra cui Elizabeth Montgomery (Vita da strega) Alan Thicke (Genitori in blue jeans), Erik Estrada (Chips), John Ritter (Tre cuori in affitto), Whoopi Goldberg, Charles Bronson, Sissy Spacek , Debra Winger, Elliott Gould, Dolph Lundgren, Apollonia Kotero e incluso Jack Nicholson con la sua fidanzata di allora Anjelica Huston .
Eisner, nel suo discorso di apertura, ha detto che Michael Jackson era proprio lì: "Ma lui è travestito, o come una donna anziana, un usciere o un Animatronic". Nessuno, specialmente i giornalisti, gli ha creduto né qualcuno sapeva se era vero o no che era presente sotto mentite spoglie.
Dopo il discorso del Vice Presidente di Kodak, Coppola, Lucas e Angelica Huston si sono riuniti di fronte a un nastro rosso all'ingresso del teatro. Erano presenti anche Nicholas Cage (nipote di Coppola) e Janet Jackson.

Al taglio del nastro ognuno ha detto:
A. Huston: " Per tutti coloro che credono ancora nel magico mondo della fantasia e dell'immaginazione ..."
Lucas: "Per tutti coloro che ancora si fanno coinvolgere dalle meraviglie della musica e la danza ..."
Coppola: “Per tutti coloro che condividono il sogno di Walt Disney e il piacere nella promessa del futuro. Tagliamo questo nastro che da inizio a questa avventura musicale in 3D nello spazio, Captain EO!”

Michael era presente alla premiere
Abbiamo detto prima che nessuno ha creduto al fatto che Michael fosse presente alla prima, e in realtà i giornalisti hanno ufficialmente detto che non ha partecipato. Dave Mason,un impiegato della Disney in quel periodo ha scritto nel 1997:
“Il reparto vendite ci aveva invitato alla prima di Captain EO, e chi sono io per rifiutare un regalo? Ci siamo accomodati al centro del teatro e abbiamo notato che c'era una persona che stava tenendo dei posti per qualcuno che doveva ancora arrivare.
Poco prima che le luci si spegnessero è arrivato un gruppo di persone. Non capivo cosa stesse accadendo fino a quando non è entrato Michael Jackson (con la sua maschera chirurgica) e nessuno sembrava accorgersene! Non l'hanno notato o detto qualcosa. Ero sorpreso. Insieme a Michael c'erano sua madre, una giovane bionda e Quincy Jones. 
A quel tempo Michael era al culmine della sua popolarità. Penso che nessuno ha creduto che fosse davvero lui, infatti alla fine tutti si sono alzati e sono usciti dal teatro normalmente.
Dopo lo spettacolo, siamo andati in un luogo meno affollato e circa 10 persone erano intorno a Michael e parlavano tranquillamente con lui. 
Una delle ragazze nel nostro gruppo era incinta ( e la più audace ) si è avvicinata a Michael e quando lui le ha chiesto come stava lei gli ha detto di accarezzare il suo pancione e lui l'ha fatto ! Poi ha salutato dicendo: 'Spero che esca ballando!'. … ancora ad oggi è uno dei momenti più memorabili che abbiamo vissuto a Disneyland!”

Nel settembre 2009, Prince, Paris e Blanket hanno visto Captain EO a Disneyland.
Poiché quella settimana il teatro era chiuso per la manutenzione del film "Tesoro mi si sono ristretti i ragazzi", che veniva trasmesso dopo il ritiro dalla programmazione di Captain EO, Jackie Jackson, fratello maggiore di Michael, ottenne l'autorizzazione per poter far assistere alla proiezione i figli di Michael Jackson nella stessa sala dove venne proiettato la prima volta.
Jackie ha ricevuto molte critiche per averlo fatto solo pochi mesi dopo dalla triste morte di Michael e il suo recente funerale pubblico, ma per i bambini non era un idolo ma il loro padre.
I dirigenti di Disney hanno colto l'occasione per revisionare le strutture del 'Magic Theater Eye' dato che lo hanno trasmesso tale e quale come avevano sempre fatto fino al 1998: con gli stessi effetti speciali. Non l'hanno detto subito ma stavano preparando il ritorno di Captain EO a Disneyland, Walt Disney World, Disneyland Parigi e Tokyo Disneyland, dopo quasi 15 anni dal suo silenzioso ritiro.
Molti fan di Michael e Disney, sia direttamente nel parco, tramite posta ed e-mail chiedevano solo una cosa: il ritorno di Captain EO, i messaggi sono notevolmente aumentati dopo la scomparsa di Michael e secondo rumors durati mesi, infatti stavano preparando il suo ritorno con una versione rimasterizzata.

Le voci si sono rafforzate quando il D23 Expo Disney ha esposto uno stand di Captain EO : "se torna, dobbiamo farlo bene. Michael Jackson ha dimostrato in Captain EO che è pura magia".
La sorpresa è arrivata come regalo anticipato di Natale (18 dicembre 2010) quando la Disney, attraverso il suo blog ufficiale, ha annunciato il ritorno temporaneo del mitico film Captain EO:
“ 23 anni fa, all'apice della sua fenomenale carriera, Michael Jackson ha unito le forze con la Disney per creare Captain EO, un'emozionante esperienza di 17 minuti in 3D. Siamo felici per confermare che il film che ha entusiasmato gli ospiti di Disneyland dal 1986 al 1997, tornerà in esclusiva per un periodo di tempo limitato da Febbraio 2010."

 "Captain Eo Tribute"
poster ufficiale del ritorno del capitano a Disney

Dopo Disneyland (Los Angeles), anche Tokyo Disneyland , il 26 aprile 2010, annuncia il ritorno del capitano (viene trasmesso dal 1° luglio 2010 al 30 giugno 2011)
Due giorni dopo, il 28 aprile, Walt Disney World (Orlando) conferma il ritorno per il 2 luglio e lo stesso annuncio viene pubblicato in un comunicato stampa da Disneyland Paris.
Infine, nel 2012, come previsto, Captain EO lascia Disneyland, Walt Disney World e Disneyland Paris.
Unica eccezione, Tokyo Disneyland che conferma Captain EO come attrazione permanente.
“Captain EO, ampiamente acclamato per il suo sofisticato assemblaggio ad alta tecnologia visiva e fantastici effetti speciali e unito alla popolarità di Michael Jackson, ha continuato ad attrarre visitatori di tutte le età. Ora, diventerà un'attrazione regolare perche più ospiti possano continuare a godere di Captain EO.
Con questa modifica, l'attrazione precedente 'MicroAdventure!' chiuderà a tempo indeterminato.
©Disney