lunedì 8 febbraio 2016

Lo sbiancamento di Michael Jackson ha una spiegazione

Michael Jackson è inequivocabilmente l'artista più prolifico di tutti i tempi. Dal momento in cui imitò i passi di danza di James Brown durante l'audizione alla Motown nel 1968 , non c'era alcun dubbio che sarebbe stato una star.

Il suo lavoro, prima come leader dei Jackson 5 e poi nella carriera come solista, dimostra che questo è vero. 
Per i fan, soprattutto coloro che lo hanno seguito sempre nel bene o nel male, tutto ciò che lo riguarda richiede la stessa precisione che lui ha dedicato al suo mestiere. E in questo periodo, una TV inglese, nel decidere per la diffusione di un film, ha fatto una pesante caduta di stile.

Martedì scorso, circolava la notizia che un canale televisivo Inglese , Sky Arts, stesse producendo un film commedia "11/9 road trip" e cioè il come presumibilmente, Michael Jackson, Elizabeth Taylor e Marlon Brando , si fossero trovati in viaggio insieme per strada da New York dopo l'attacco al World Trade Center nel 2001 . La trama si basa su una storia, sulla vita della Taylor descritta nel mese di giugno 2011 su Vanity fair , certamente ricavata da una leggenda metropolitana, visto che nessuno può affermare possa mai veramente essere accaduto.

L'unico fatto innegabile sul progetto, così come descritto, è che l'attore bianco ,Joseph Fiennes, è stato scelto per interpretare Jackson, che era nero, così come è innegabile che il colore della pelle di Jackson è cambiato nel corso della sua carriera.

Per usare un eufemismo, non tutti condividono.

La maggior parte delle obbiezioni, viene dall'accusa verso l'industria cinematografica e televisiva di voler volentieri mescolare le razze. Il che non è falso. Ma per esempio, perchè Sky Arts non ha scelto un attore nero per interpretare Jackson, che si auto-identificato come un nero? Se il punto fosse mescolare razze in una sorta di discromia daltonica, perché Brando e la Taylor non sono interpretati da attori non bianchi?

Purtroppo, non è così semplice. C'è una specifica ragione per cui razza e colore della pelle sono legate a doppio filo, e qualcuno sembra non aver compreso bene questo legame nel corso della storia e vita di Jackson.

Fiennes , si è definito "scioccato" quando gli è stato chiesto di interpretare Jackson. Jackson ... è troppo, ha detto.
Tra il crescente scetticismo sulla scelta di Fiennes, ET ha avuto modo di intervistare l'attore ,Mercoledì , cercando così di capire la sua opinione in merito. E si scopre che nemmeno lui sembra convinto di essere la scelta più ovvia per interpretare la pop star.

"Sono un bianco, della media borghesia inglese ", ha detto Fiennes. "Sono scioccato, come potresti esserlo tu"

Il "tu" a cui Fiennes fa riferimento sono le persone che stanno prestando attenzione alla situazione. Ma proprio le stesse parole di Jackson, precisano un qualcosa che avrebbe dovuto avere un peso ben più importante per i critici.

Il 10 febbraio del 1993, Jackson si fa intervistare da Oprah Winfrey nel suo ranch a Neverland. L'intervista venne trasmessa live in Mondo visione, raggiungendo 90 milioni di persone in tutto il mondo e stabilendo un record per l'intervista più seguita in TV.

Gli argomenti furono ampi e improvvisati. Jackson come viene spiegato, non aveva avuto accesso alla scaletta di domande prima della diretta.
E le domande spaziarono dalla famiglia alla sua infanzia, i suoi successi, e la fama che ne seguì. Ma gran parte della conversazione, dall'inizio alla fine, venne incentrata sulla chiarire i rumors sul suo essere misterioso e sfuggente,sino alla diceria di volere che un bianco lo interpretasse..

A quel tempo, Winfrey sottolineò, girava voce che Jackson volesse essere interpretato da un ragazzino bianco, nello spot della Pepsi. Così la Winfrey lo chiese , e Jackson, sbuffando e scuotendo la testa, disse queste esatte parole:
"Questo è così stupido. Questa è la più ridicola storia assurda che abbia mai sentito. È pazzesco. Voglio dire, perché? Numero uno, è il mio volto di quando ero bambino nello spot. Io quando ero piccolo. Perché dovrei volere un bambino bianco che interpreti me? Sono un nero americano. Sono orgoglioso di essere un americano nero. Sono orgoglioso della mia razza. Sono orgoglioso di quello che sono. Sono orgoglioso e fiero di ciò che sono.

Jackson quindi, categoricamente, obbiettò al rumor , prendendo spunto dall'inno del potere nero del 1968 "Say It Loud -I’m Black and I’m Proud, ", dal suo idolo James Brown.

Ma allora perché qualcuno pensò di insinuare che Jackson avrebbe accettato di essere interpretato da un attore bianco? E, ancora più importante, perché una simile idea sembra trovare ancora spazi, più di due decenni più tardi, nonostante i desideri di Jackson?

Il colore della pelle di Michael Jackson è cambiato nel corso del tempo
Anche se i rumors si estendono ben oltre il limite della fantasia, c'è un motivo per cui accettiamo il beneficio del dubbio. Nel corso della carriera, già allora di ben 25 anni , la sua musica, il look, e i passi di danza non erano le uniche cose ad essere cambiate. Lo era anche il colore della sua pelle.

In realtà, questo è il motivo per cui è così importante prestare attenzione al momento esatto della vita di Jackson che Fiennes è stato chiamato ad interpretare. Il periodo storico del film lo colloca subito dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre. Ma la storia personale di Jackson , è importante anche in questo.

A metà degli anni 80, l'uomo nero che prima si presentava con una carnagione scura era improvvisamente, quasi dal nulla, ricomparso agli occhi del pubblico con un tono di pelle notevolmente diverso. Così, anche nel 1993, per non parlare del 2001, la pelle di Jackson era molto più chiara di quella che era stata nella sua gioventù. La sua pelle era dello stesso tono di qualcuno che sarebbe stato comunemente identificato come bianco, che è l'unica spiegazione per poter solo pensare ad un Fiennes come lontanamente plausibile.

Nel corso del tempo, la gente iniziò ad analizzare l' identità razziale di Jackson
Come Fiennes ammette nell' intervista a ET, Jackson era "più vicino al colore [di Fiennes] del suo colore originale."
Ma la razza è un qualcosa di più del semplice accostamento di tonalità della pelle. E questo fatto è una delle ragioni per cui i cambiamenti di carnagione di Jackson hanno fatto si che alcune persone mettessero in discussione l'autenticità della sua identità razziale.

Gli scettici non erano solo fra il pubblico in generale. Alcuni dei più stretti collaboratori di Jackson vengono annoverati fra questi, fra cui il famoso produttore Quincy Jones.

I due , lavorarono insieme sui primi tre album della carriera solista di Jackson - tra cui il leggendario Thriller, nominato a 12 Grammy nel 1984, un record assoluto tutt'ora. E durante quel periodo, dal 1979 alla fine degli anni 80, Jones fu testimone dei cambiamenti di colore della pelle di Jackson.

Nel frattempo, nel 1986, a Jackson venne diagnosticata la vitiligine , una condizione cronica della pelle che provoca la perdita della pigmentazione.

Tuttavia, in un'intervista del 2009 , e successiva alla morte di Jackson, Jones spiegò di avere una diversa opinione. Non solo non crede nella diagnosi medica , ma suggerendo anche che la trasformazione avesse avuto più a che fare con un cambiamento del modo in cui Jackson apprezzava la sua identità razziale.

"L'uomo è strano! Peeling chimici e tutto il resto", disse. "E io non lo capisco. Ma, ovviamente, non voleva essere nero."

Nel corso degli anni, Jackson subì diversi interventi di chirurgia plastica per alterare il suo aspetto.Il Dr. Wallace Goldstein, che ha lavorato per Jackson nel 1990, disse al People magazine che Jackson aveva subito dai 10 ai 12 interventi chirurgici nel giro di 2 anni.

E c'è voluta un autopsia per confermare che Jackson non aveva alcun controllo sul cambiamento della sua pelle: accaduta infatti perchè soffriva di vitiligine.

Ma nonostante questa informazione, perché, per esempio, Jones, ha pensato che il cambiamento di colore della pelle di Jackson fosse correlato con un cambiamento nel modo in cui Jackson vedeva la sua identità razziale? Beh, ha tutto a che fare con il colore della pelle che viene utilizzata per identificare identità razziali e come le identità razziali sono classificate in una gerarchia.


La razza non esiste (biologicamente) , ma esistono canoni che la definiscono socialmente
Per essere chiari, la razza, così come la conosciamo, non è reale. Vale a dire, le identità razziali non esistono biologicamente. Non esiste un gene razza.

Invece, è vero che le nostre caratteristiche, come il tono della pelle, i capelli, i lineamenti del viso, e le nostre storie familiari , sono sin dalla fine del 18mo secolo utilizzate per inquadrare gli esseri umani in categorie razziali distinte per ragioni sociali e politiche.

Il fatto che le categorie razziali siano cambiate nel corso della storia umana dovrebbe darvi un indizio sul fatto che la razza non è reale, ne tanto meno scolpita sulla pietra.

Tuttavia, ci sono alcune regole generali che vengono utilizzate per definire le identità razziali. E uno dei modi più salienti è basarsi sulle caratteristiche fisiche, compreso il colore della pelle.

Persone con la pelle più chiara, sono considerati razzialmente bianchi. Le persone con pelle più scura sono generalmente considerati neri.

Intere istituzioni, come l'istruzione ad esempio, sono state sviluppate per dare o negare alle persone l'accesso alle opportunità basate su qualcosa di semplice quanto il colore della pelle.

Quindi, uno degli altri fattori che anche lega insieme persone della stessa identità razziale è l'avere una storia condivisa di oppressione.

Ma tutta questa storia finisce per diventare fondamentale quando qualcuno segue regole proprie - il che accade molto spesso, con il cambiamento di colore della pelle di Jackson , preso quale esempio.

Non tutti gli appartenenti alla stessa razza hanno lo stesso colore della pelle. E questo è uno dei motivi dell'imbarazzante scambio di opinioni che Nancy Giles al Sunday Morning della CBS ha avuto con Jay Smooth. Smooth e Giles sono entrambi neri. Ma a causa del colore chiaro della pelle di Smooth, Giles dice che non lo è. Ops!

Che cosa significa tutto questo?
°Le persone che hanno toni della pelle simili non devono necessariamente corrispondere alle stesse identità razziali.
°Le persone con la stessa identità razziale non hanno la stessa carnagione.
°La razza non è un qualcosa di superficiale.
°Le identità razziali vengono definite da disuguaglianze di potere.

Il risultato: La scelta di Fiennes appare in tal senso molto meno che come un imitazione di Jackson e più simile alla prevaricazione eclatante di un uomo bianco nel voler interpretare un identità nera che non è la sua. E per aggiungere la beffa al danno, lo scopo non è altro che qualche risata.


Quindi cosa importa se Fiennes è "bianco o nero"? Sì.

Aggiungiamo a tutto questo, uno dei singoli più famosi di Jackson riguardo la razza, "Black or White" del 1991. Dalla sua pubblicazione, la canzone è stata spesso caratterizzata come un inno all'"armonia razziale".

Ma questo è il bello delle armonie: Nessuna nota o differenza sostituisce le altre; invece, convive armoniosamente con le altre.
Quando Fiennes, che è bianco, interpreta Jackson, che è nero, tali differenze non vengono apprezzate. Vengono invece cancellate.
Così, mentre non importa se sei nero o bianco perchè Jackson possa amarti, importa assai se sei nero o bianco quando stai cercando di impersonificare lui, la superstar.

Socialmente, quando un attore bianco che interpreta un intrattenitore nero, anche quando le loro carnagioni possono somigliarsi, il risultato non è che una prevaricazione dell'industria cinematografica, nella quale un ruolo che dovrebbe e potrebbe essere stato interpretato da un attore nero è invece dato ad un attore bianco.

Ma è anche, più semplicemente, sulla base di un fatto inconfutabile, dalle sue stesse parole, e cioè che Jackson, era un uomo di colore che non avrebbe mai approvato che Fiennes lo interpretasse.

ORIGINAL SOURCE:
The whitewashing of Michael Jackson, explained

Traduzione: MJ GOLD WORD FORUM