lunedì 26 ottobre 2015

ESTRATTO: Seminari di Brad Sundberg - In The Studio With Michael Jackson -

20 luglio 1987

Ci sono migliaia di giorni, purtroppo, che sono offuscati nella mia mente, ma ricordo il 20 luglio 1987 come se fosse ieri. No, non era il compleanno di una delle mie quattro bellissime figlie (quei giorni li ricordo ancora con chiarezza), o il giorno del mio matrimonio (ero sposato da due anni). La mattina del 20 luglio 1987 mi sono svegliato presto e nella mia radio sveglia suonava KIIS FM 102.7. Il leggendario Rick Dees stava per mandare in onda per la prima volta il primo singolo dal nuovo album di Michael Jackson, "BAD". 

 Bruce e io stavamo già lavorando al secondo o terzo singolo, ma il resto del mondo avrebbe avuto la possibilità di ascoltare quello in cui avevano lavorato per molto tempo prima di quella mattina. 

 Alzarmi la mattina presto non faceva parte della mia routine. Ricordo che KIIS aveva annunciato per un giorno o due il giorno e l'ora che avrebbe fatto ascoltare il nuovo singolo di Michael, e così (per quanto mi ricordo) ho messo la sveglia. Volevo ascoltarlo insieme al resto del mondo. 

 Svegliai Deb e alzai il volume della radiosveglia. Ovviamente, avevo sentito centinaia di volte in studio "I Just Can not Stop Loving You" in alcuni dei migliori altoparlanti del mondo, senza dubbio, l'SM-1Westlake (che costa circa $ 200.000). Ero lì quando Michael e Siedah la cantavano. Ero lì quando il famoso "intro del cuscino" è stato registrato. Ero lì per aggiungere innumerevoli sovraincisioni e mix alla registrazione originale. A quel punto avrei dovuto essere stanco di ascoltarla, ma questa occasione era diversa. Questo era KIIS FM! 

 Non era la mia canzone preferita dell'album neanche lontanamente, ma non aveva importanza. La stavo ascoltando per la prima volta insieme a tutta la città di Los Angeles, nella mia piccola radiosveglia in camera mia e con quasi nessuna qualità del suono. Ma niente di tutto ciò contava. Era come se la stesse ascoltando per la prima volta. 

 Ricordo Rick Dees che la presentava. Era il primo singolo di Michael Jackson che usciva sul mercato dall'ultimo singolo con la canzone che ha dato il titolo all'album, "Thriller", rilasciato quasi quattro anni prima, nel novembre 1983. Non ricordo le sue esatte parole, ma era così felice di mandare in onda il nuovo singolo di Michael per la prima volta, e improvvisamente, stava suonando sulla mia radio sveglia! Potevo sentire la chitarra di Dan Huff e il pianoforte di John Barnes, gli squisiti suoni del sintetizzatore di Steve Porcaro e la sottile e perfetta percussione di Ndugu. La voce di Michael si alzava e si combinava perfettamente con quella di Siedah. 

 Ricordo che mi sentivo orgoglioso, anche se il mio contributo era minimo. Ero orgoglioso della squadra. Ero orgoglioso della miscela di Bruce e la produzione impeccabile di Quincy. "Da un sussurro a un grido," potevo sentirlo dire. Ero molto orgoglioso del fatto che qualcosa di semplice come quattro minuti e mezzo di una canzone poteva farmi sentire così... e il tutto da un piccolo altoparlante della mia sveglia. .. 

 Se è la mia canzone preferita di Michael? Niente affatto. Ma non posso ascoltarla senza tornare con la mente al piccolo appartamento sulle colline di Los Angeles e ad una piccola radio sveglia, un momento che rimarrà impresso nella mia memoria. 20 luglio 1987, un giorno che non dimenticherò mai.


FONTE ORIGINALE: