giovedì 2 luglio 2015

Sei motivi per cui il Re del Pop regna ancora - by Adam Howard


E' difficile credere che sono già passati 6 anni da quando il mondo ha perso una delle più invidiabili e memorabili pop star di tutti i tempi - Michael Jackson . Quando è morto a 50 anni, Jackson era diventato un eccentrico recluso, ampiamente ridicolizzato per il suo aspetto fisico e la vita personale insolita. Ma quando è sopraggiunta la notizia che ci aveva lasciati, la moltitudine di apprezzamenti è stata senza precedenti.

Improvvisamente tutti gli scandali e le questioni superficiali, sono finite sotto il tappeto, e appena messe a confronto con l'incredibile carriera musicale di Jackson. Omaggi e celebrazioni spontanee , spuntarono fuori in tutto il mondo per un artista che ci aveva intrattenuto da quando aveva 11 anni, dalla voce impareggiabile e dalle abilità di danza sublimi. Anche nell'età matura, Jackson non ha mai perso le sue qualità infantili, cosa che lo ha reso ancora più interessante per i fan più accaniti.

Dopo la sua morte, la musica di Jackson ha iniziato a vendere come non aveva mai fatto prima nell' ultimo decennio e le celebrazioni e i tributi fioccavano in tutto il mondo. Una nuova generazione di appassionati di musica ha compreso il suo impatto - il suo aver rotto le barriere razziali, il suo aver rivoluzionato la musica e il suo aver alzato l'asticella dal come la musica veniva rappresentata sino al suo avvento, con i video musicali. 
Alcuni hanno addirittura sostenuto che ha contribuito a rendere il paese più sensibile alla candidatura di Barack Obama .

Sei anni più tardi, il "Re del Pop" è ancora un enorme costruttore di consensi. Il patrimonio di Jackson, si dice, si aggiri intorno ai 2 miliardi dollari , dopo aver guadagnato oltre 1.000 milioni dollari da dopo la sua morte. Giovedì, il sesto anniversario della sua morte, è stato uno dei primi cinque argomenti trend su Twitter, ottenendo oltre 140.000 tweets in 24 ore. Ma perchè sta ancora dominando la cultura pop?
 Ecco sei ragioni:

1) Gli artisti imitano ancora il suo stile , anche prima che morisse, Jackson ha generato una pletora di imitatori. Si potrebbe sostenere che la storia della musica pop potrebbe essere divisa in due parti: prima di Mj e dopo MJ. Non è più sufficiente essere solo un buon cantante. Per ottenere un qualche successo l'abilità vocale, la capacità di ballare, il senso della moda e la capacità di creare "scoop" per i media è ormai diventato il percorso obbligato per ogni star che voglia rimanere in qualche modo pertinente, tra cui Justin Timberlake, Lady Gaga, Katy Perry e Beyoncé . E'difficile ascoltare un album R&B odierno e non avvertire le tracce del suono firmato Jackson.

2) Rimane uno dei migliori artisti dalle vendite più incredibili di tutti i tempi. Fino ad oggi, vincitore assoluto di Grammy resta "Thriller" di Jackson,l'abum più venduto di tutti i tempi, ma molti dei suoi capolavori come solista (quali "Bad" e " Off the Wall ") non sono molto indietro. Poco dopo la sua morte, sei anni fa, Jackson ha superato artisti del calibro di Elvis Presley e Jimi Hendrix per diventare il più venduto artista postumo di tutti i tempi. E grazie alla proliferazione dei contenuti online, dei film/documentari o dello spettacolo itinerante del Cirque de Soleil - è facile capire che la sua discografia non si sta affatto perdendo.

3) La sua musica è un catalizzatore multigenerazionale. C'è una quantità notevole del catalogo di Jackson che fa appello a persone di tutte le età e provenienza. Gli anni in cui era un bambino e cantava con i fratelli nei Jackson Five producono nostalgia nei più anzini, mentre i fan più giovani preferiscono la sua musica degli ultimi tempi, o le collaborazioni con artisti dell' hip-hop come il Notorious BIG .Ora, Jackson è una chicca in ogni matrimonio , inizia la musica e parte la danza.

4) Le tragiche circostanze della sua morte lo hanno elevato a status symbol; come Marilyn Monroe, James Dean e innumerevoli altre star che sono morte prematuramente in giovane età, la scomparsa di Jackson ha cementato il suo status di figura tragica e affascinante. I suoi ultimi anni sono stati in gran parte oscurati da accuse sgradevoli e una dipendenza da antidolorifici. Ma la morte di Jackson, causata da una dose letale di farmaci, resta un ammonimento per gli artisti che sono venuti e verrrano nella sua scia.

5) Ci sentiamo un pò come se la sua storia fosse incompiuta; ha lasciato un enorme quantità di musica incompiuta e progetti non realizzati, che i fan avrebbero adorato. I materiali che ha lasciato alle spalle hanno già portato a due nuovi album - "Michael" e "Xscape" - che sono stati entrambi dei best-seller, e ci sono molte speranze che arrivi anche di più in futuro. La carriera di Jackson è stata così lunga e così variegata che è troppo presto per accontentarci del passato. E considerato che c'è ancora così tanto che non sappiamo su di lui , il fattore curiosità non si chiuderà tanto facilmente.

6) Non ci sarà mai un altro artista come lui .Nel business della musica ancora scossa dall'era di streaming e download, è altamente improbabile che vedremo mai un altro artista con il tipo di successo mondiale che Jackson aveva ottenuto. Solo Presley e i Beatles ebbero lo stesso impatto culturale, e dal momento che l'ascesa di Jackson corrisponde al picco di odiens per MTV, la sua immagine visiva è impressa a fuoco nella memoria nazionale. I giovani di oggi possono anche non conoscere molti degli artisti del passato, ma tutti prima o poi scopriranno il " Re del Pop".

Ospite di MSNBC il Rev. Al Sharpton potrebbe essere ricordato al suo funerale per aver detto " Michael ci ha fatto amare l'un l'altro. Jackson ci ha insegnato a stare insieme. Ci sono quelli che amano scavare nel torbido. Ma milioni in tutto il mondo, sosteniamo il suo messaggio ", ha detto Sharpton. "Non si tratta di confusione, ma si tratta del suo messaggio d'amore."

ORIGINAL TEXT:
RIP Michael Jackson: Six reasons the ‘King of Pop’ still reigns by Adam Howard

LINK TRADUZIONE: MJGW FORUM