sabato 18 luglio 2015

Recensione : L'Omicidio di Michael Jackson, l'Insabbiamento e la Cospirazione (Deborah Stefenaik) by Raven

Ecco un altro dei libri della mia lista per l' estate. Lasciatemi dire che, normalmente, questo è il tipo di libro su cui sarei probabilmente passato sopra senza pensarci troppo. La sua autrice è una sensitiva che sostiene di avere conversazioni con Michael (così come, a quanto pare, con molti dei suoi amici e familiari defunti !) dall' " Aldilà. 

Questo è in realtà il suo secondo libro sulle sue conversazioni con Michael, ma non ho letto il primo Another Part of Me. Non fraintendetemi; non è che io sia scettico su coloro che hanno "Il Dono". In realtà, abbiamo capacità medianiche e intuitive nella mia famiglia, e la vera ragione per cui sono stato piuttosto incuriosito di leggere questo libro, in primo luogo è perché mi sono reso conto subito che l'autrice ed io abbiamo condiviso una visione stranamente molto simile della morte di Michael, che spiegherò. 

Mi limiterò a dire che il brano che ho letto su Amazon è stato sufficiente a farmi rabbrividire. E poi, a meno di tre dollari per l'edizione Kindle, che cosa avevo da perdere, in ogni caso? 

 Questo non vuol dire che fossi pronto a mettere da parte il mio scetticismo. Credo che ci sia certamente la vita dopo la morte e, come detto in precedenza, credo che alcune persone siano benedette dalla capacità intuitiva di comunicare con i morti. Ma qualcosa del libro suona un po' " fuori" e richiede una qualche sospensione del giudizio. Il titolo dice molto. È quello che è; un ricordo personale scritto da una sensitiva sulla teoria del presunto complotto dietro la morte di Michael, sulla base di conversazioni con lo spirito di Michael e le visioni che le ha permesso di vedere attraverso i suoi occhi. Siete ancora con me? Sì, so cosa probabilmente state pensando proprio ora, e credetemi, è stata anche la mia reazione iniziale. 

 Ma c'era un inquietante particolare che non riuscivo a scrollarmi di dosso o a respingere: l'autrice ed io abbiamo avuto esattamente la stessa visione, con solo alcuni dettagli differenti. In più, mia sorella ha fatto lo stesso sogno, e tutti e due a pochi giorni dalla morte di Michael. Così, quando ho letto il brano tratto da questo libro, mi sono subito reso conto che, anche se avessi potuto liquidare il tutto come merda, volendo, c'era un dettaglio preoccupante che non avrei potuto facilmente tralasciare: il fatto era che ora avevo almeno tre persone diverse, le quali, indipendentemente l'una dall'altra, avevano sperimentato la stessa visione della morte di Michael nello stesso lasso di tempo, e tutti con dettagli stranamente simili. Questa consapevolezza da sola era sufficiente per farmi leggere. Ero curioso di scoprire quanti particolari della mia (e di mia sorella) visione erano corroborati da Stefanaik. Ho iniziato a leggere questo libro, il 25 giugno, non è esattamente un modo allegro per concludere una giornata già deprimente. Ma se c'era un giorno adatto per cominciare a leggere un libro sulle ultime ore di Michael, beh, era certamente quello. 

 Non voglio fornire troppi spunti del libro di Stefenaik. Dopo tutto, lo scopo di ogni recensione di un libro è quello di incoraggiare le persone a leggerlo (o correre come pazzi, a seconda dei casi ) quindi cercherò di non entrare troppo nelle sue teorie , per non andare troppo oltre. Ma anche una lettura superficiale della fascetta del libro vi dirà che ci sono un po' di persone che, ovviamente, vengono fuori da questo libro che non sono granché , cioè Randy Phillips, AEG, Sony, Frank DiLeo, gli esecutori immobiliari e soprattutto, "il dottor" Tohme Tohme, tutte figure che convergevano (o erano rientrate) sulla vita di Michael durante un relativamente breve lasso di tempo tra il dicembre del 2008 e il giugno del 2009. Questi nomi da soli sono sufficienti per garantire che questo sia destinato ad essere un libro che divide, che non può essere calorosamente condiviso da tutte le componenti della comunità dei fan. Tuttavia, come ho sempre detto, vale la pena di mantenere una mente aperta. Mentre io non credo sia corretto diffamare chiunque senza prove sufficienti, dobbiamo tenere a mente, ancora una volta, che il libro è quello che è: semplicemente un mezzo per raccontare quello che lei sostiene di aver visto in una serie di visioni. Quindi, a questo proposito, non possiamo esattamente chiamarlo calunnia, né può essere considerato prova di un reato . Ma per quei lettori che vogliono mantenere una mente aperta e di tenere a portata di mano dei sali , in questo caso è certamente una inquietante e stimolante lettura.

Peraltro, il contenuto del libro non è interamente costituito dalle visioni dell'autrice e dalle "conversazioni" con Michael. Ci sono anche un sacco di prove solide e concrete. Utilizzando le trascrizioni del processo di Conrad Murray, la causa Katherine Jackson vs AEG, i risultati ufficiali dell'autopsia e altri documenti, così come le e-mail scambiate tra tutte le parti interessate (la maggior parte dei quali divennero documentazione pubblica durante i processi penali e civili sulla morte) l'autrice è in grado di fornire più che sufficienti elementi per sostenere molte delle sue teorie. Naturalmente, il suo ordine del giorno è quello di "dimostrare" che questi fatti confermano le sue visioni. Tuttavia, troppi dettagli venuti alla luce dopo la morte di Michael sono in discussione.
Perché, per esempio, i figli di Michael hanno testimoniano di aver visto Randy Phillips nella loro casa a ore strane quando sapevano che non avrebbe dovuto essere lì? E perché sia Phillips che Tohme sembravano avere accesso illimitato alla casa di Michael? Perché c'è stata una discrepanza tra il momento effettivo della morte (secondo i paramedici che hanno sostenuto Michael era evidentemente morto da ore) e la chiamata al 911 alle 12:22? Perché la siringa trovata accanto al letto, contenente Propofol e Lidocaina non è stata adeguatamente controllata? (Ricordate, era la siringa per cui Murray e i suoi avvocati hanno combattuto duramente perché fosse considerata come "prova" che Michael si era autosomministrato l'anestetico).
Perché DA Steven Cooley riceveva contributi finanziari da AEG (certo, per lo meno, un grave conflitto di interessi!). Perché Tohme Tohme, che Michael aveva licenziato nel marzo del 2009, è indicato il 22 giugno 2009 (tre giorni prima della morte di Michael), in qualità di beneficiario della polizza di assicurazione ( per " morte accidentale " ) di AEG con i Lloyds di Londra? Perché, in effetti, l'uomo era addirittura ancora nel quadro, fino al punto di essere presente in ospedale il 25 giugno? E che cosa è accaduto al nastro della sorveglianza mancante?

Stefenaik non tenta di rispondere a queste domande, e come crediti, si basa su elementi di fatto documentati per supportare la maggior parte delle sue affermazioni, anche se sarebbe stato utile se l'autrice avesse potuto fornire i facsimili PDF dei documenti in questione, invece di limitarsi a copie che gli scettici possono sempre sostenere che siano state alterate o falsificate. Fortunatamente, la maggior parte di loro sono pubblici e possono essere verificati abbastanza facilmente con un po 'di ricerca, ma essere in grado di mostrare i documenti reali aiuta sempre quanto a credibilità.

Come detto in precedenza, però, ero più incuriosito della visione dell'autrice, perché i suoi dettagli corrispondevano quasi perfettamente all'esperienza mia e di mia sorella (nei sogni quasi identici nella stessa notte) di sei anni fa.

Non ho mai parlato molto di quel sogno, ne ho confidato i dettagli a pochissime persone di cui mi fido. Per lo più, non ho parlato più di tanto perché conosco lo scetticismo generale che la gente di solito riserva a tali affermazioni, ma anche perché la parte logica e il buon senso del mio cervello diceva sempre, "E 'stato solo un sogno. Non è qualcosa che si può dimostrare; nessuno potrebbe mai veramente prenderlo come 'prova' di un crimine ". E una parte di me si è sentita anche in colpa, per il silenzio. Anche questo, ha attraversato la mia mente in molte occasioni. E se Michael, in quelle prime settimane, quando la sua anima era più inquieta, avesse davvero raggiunto pochi individui eletti, ricettivi per mostrare loro esattamente quello che gli era successo quella mattina?
E se ha scelto alcuni di noi a dare queste informazioni, che cosa voleva che noi facciamo con essa, o prendiamo da esso? Questo è un pensiero che ha pesato molto sulla mia mente per gli ultimi sei anni. Se Michael voleva che questa informazione fosse conosciuta, lo avevo in qualche modo tradito accantonandola, respingendola come "solo un sogno", che nessuno avrebbe mai preso sul serio? Avevo in qualche modo una responsabilità che non ero riuscito a sostenere?

Devo ammettere che il libro di Stefenaik ha di nuovo sollevato un sacco di domande . Come ho detto, io probabilmente sarei stato del tutto scettico su questo libro se non fosse per il fatto che avevo visto e sentito quasi esattamente quello che lei sente e descrive in questo libro, come se fosse stato detto a lei direttamente da Michael .

Nel mio caso, il mio sogno si è verificato solo un paio di notti dopo la morte di Michael. E 'stato molto tempo prima che le fotografie della scena della morte trapelassero sui media; Non avevo modo di sapere come fosse l'interno della casa di Carolwood . E 'stato anche molto tempo prima che i risultati dell'autopsia o uno qualsiasi dei dettagli della morte fossero resi noti; quindi, era il momento in cui molti resoconti dei media erano in conflitto e nessuno sembrava sapere che cosa fosse realmente accaduto quella notte o la mattina stessa.

Stefenaik l'ha descritto come un'esperienza di comunicazione, e questo è stato molto simile a quello che ho provato io. Era come se fossi stato nel corpo di Michael, essendo testimone degli eventi attraverso i suoi occhi mentre li stava sperimentando. Molti dettagli della camera mi si sono impressi- a destra del letto c'era una lampada accesa continuamente, anche nelle ore del mattino. 
C'era un caminetto bianco con quello che sembrava uno specchio incorniciato d'oro o qualche tipo di schermo sopra di esso. Sulle finestre, pesanti tende color beige erano socchiuse, e attraverso le tende bianche era probabilmente un momento vicino all'alba, perché c'era appena una sfumatura di grigio nel cielo. 
Quando ho finalmente visto le foto della camera da letto, mi hanno confermato tutto quello che avevo visto. Ho sentito istintivamente che ero stato in quella stanza prima.

Posso solo dire che quello che ho vissuto attraverso il corpo di Michael (se davvero questo è quello che stava succedendo) è stata una sensazione orribile che spero in Dio di non rivivere. La sensazione era di essere completamente impossibilitato e incapace di respirare. Era abbastanza conscio di ciò che stava accadendo intorno a lui, ma incapace di muoversi o emettere un suono. Era come essere paralizzati e sul punto di annegare, il tutto allo stesso tempo. Il mio respiro era così superficiale e affannoso che ogni aspirazione dell'aria mi feriva e bruciava i polmoni. Quello che provavo era uno stato semilucido, dove mi sembrava di essere dentro e fuori della coscienza, a tratti acutamente consapevole di ciò che mi circondava; altre volte, scivolavo in uno stato non lucido dove credevo di annegare.

Sentivo due uomini ridere. Al caminetto, due uomini mi davano la schiena . Quando sono uscite le foto camera da letto , ho visto che c'erano, infatti, questi due caminetti che erano a portata d'occhio di Michael, uno alla sua destra, sotto lo specchio, e uno nell'anticamera, che sembra avere un dipinto con cornice sopra .

Non posso dire con certezza davanti a quale caminetto ho visto gli uomini in piedi (dopo sei anni, alcuni dettagli hanno cominciato a essere un po 'offuscati , se quello che vedevo era a sinistra o a destra) ma voglio dire che erano davanti al camino con lo specchio sopra. Avevano delle carte; un sacco di carte. Mi ignoravano, supponendo che fossi morto o fuori di testa. Quando hanno suddiviso e firmato le carte, hanno cominciato a come dei ragazzi che si raccontano barzellette sporche. Uno degli uomini che vedevo era chiaramente Conrad Murray. L'altro, invece, non ho potuto identificarlo subito tranne che era un bianco, molto grosso, tarchiato con i capelli castani piuttosto lunghi.

Il giorno dopo stavo parlando con mia sorella e potete immaginare il mio shock quando mi ha descritto di avere fatto lo stesso sogno, con gli esatti, identici dettagli. Avevamo entrambi visto Murray e lo stesso uomo tarchiato con i capelli castani nella camera. Li avevamo entrambi sentito ridere, e li avevamo visti suddividere e firmare molti fogli. Entrambi abbiamo avuto la sensazione di non essere in grado di respirare o muoverci. C'erano, però, un paio di cose che lei era in grado di ricordare in modo più vivido di me (per la cronaca, le sue capacità sono sempre state molto migliori delle mie, lei non cessa mai di stupirmi con le cose che è in grado di "sapere "molto prima di chiunque altro). Lei ha detto che c'era un raccoglitore nero o una valigetta dove sono stati messi i documenti .
Inoltre, si ricorda di aver visto Murray accompagnare l'uomo dai capelli castani fuori dalla stanza e in quello che ha descritto come un corridoio a sinistra della camera da letto. Dopo il processo Murray e dopo che le foto in dettaglio dell'interno della casa di Carolwood sono state rese pubbliche, mi sono reso conto che quello che stava descrivendo era l'anticamera fuori della camera da letto, che era a sinistra del punto di vista di Michael dal letto . Vide i due uomini conversare brevemente nel foyer, poi si separarono L'uomo dai capelli castani si voltò alla sua sinistra (dal punto di vista di Michael) e scese giù per le scale, senza scorta. Murray è tornato in camera .

Mia sorella crede di aver visto l'ultima cosa di cui Michael era consapevole prima della sua morte. Durante il processo di Conrad Murray, almeno un particolare inquietante è emerso che sembrava confermare in maniera agghiacciante la sua visione. Si è detto che prima che il corpo di Michael fosse spostato, la sua testa era inclinata sul cuscino a sinistra, con gli occhi aperti.Questo vorrebbe dire che tutto ciò che aveva visto l'ultima volta quella mattina era stato esattamente da questo punto di vista, guardando verso il foyer .

Fu solo in seguito, mentre guardavo le foto dei vari soggetti coinvolti nella vita di Michael in quel momento, che mi sono reso conto che l'uomo dai capelli castani che avevo visto più da vicino corrispondeva alla descrizione di Tohme Tohme.

Ora, dato tutto quello che vi ho detto, immaginare i brividi che ho avuto quando ho letto questo passaggio del libro di Stefenaik, come " detto" a lei da Michael:

"Un uomo mi ha messo un ago nel braccio - una flebo nella gamba. Il mio braccio era dolorante per formicolii e sentivo punture alla spalla. Non riuscivo a vedere. Un ragazzo dai capelli castani. Stavano guardando nelle mie carte. Li sentivo. Hanno saccheggiato la casa. C'era una telecamera di sicurezza. Era puntata al cancello, ma quella notte qualcosa non andava. La mia vita è stata messa a testa in giù e non sapevo perché. Io ero fuori dal mio corpo, ma non ero morto. Mi ha dato l'ultimo colpo e sono morto sul colpo. L'uomo con i capelli castani, camicia a maniche corte, colletto aperto, bianco. Speravo che sarebbe tornato per vedere di più, ma non lo fece. Rimase fuori mentre Conrad Murray ripuliva. Io stavo in piedi a guardare, impotente. Scrisse l'ora (Conrad Murray). E 'stato significativo. Aveva un taccuino con lui, prendeva appunti. Diceva che lo portava con sé ovunque andasse. Nero con finiture in pelle. Frank era separato da questo ragazzo. Andarono via in veicoli separati ... "

Più tardi, nella "visione finale" lei descrive di vedere esattamente come l'uomo dai capelli castani, che anche lei ha identificato come Tohme, dare a Michael il colpo fatale. Ironia della sorte, Michael aveva dichiarato più volte che sarebbe morto per "un colpo." Lo disse molte volte a Frank Cascio , secondo il libro di Cascio, e, naturalmente, Frank intese che egli intendeva un colpo di pistola (in altre parole, un assassinio) . Forse Michael aveva abbastanza lungimiranza da sapere che la sua morte sarebbe stata causata da "un colpo" in un modo o nell'altro. Certo, penso che avesse un presentimento che la sua morte sarebbe arrivata presto, e che non sarebbe stata naturale. Ha sempre creduto che sarebbe stato assassinato.

Mi limito a dire che ci sono più che sufficienti dettagli simili tra la mia visione, quella di mia sorella, e quella diStefanaik che inducono qualche seria considerazione. Naturalmente, ci sono anche marcate differenze. Per esempio, non ho mai visto nessun altro che Murray e l'uomo che si presume essere Tohme. Non ho mai visto DiLeo o Randy Phillips o uno qualsiasi degli altri individui che Stefanaik sostiene di aver visto (ma questo non vuol dire che lei sbaglia, solo che io non li ho visti personalmente). Non ho neanche effettivamente assistito all'atto stesso dell'omicidio . Forse ho sperimentato i postumi del colpo (anche se Stefanaik sostiene che Michael le ha detto di essere morto subito dopo il colpo) o forse era l'effetto degli altri farmaci che erano stati somministrati per renderlo incosciente prima dell' atto fatale. Nella sua versione, dice che la sua visione (guardando attraverso gli occhi di Michael) era molto confusa.

Dice di aver poi appreso, dopo aver letto il rapporto dell'autopsia, che i farmaci che erano stati trovati nel sistema di Michael in combinazione con il Propofol, principalmente le benzodiazepine, avrebbero dato luogo alla visione offuscata. Nel mio sogno, non mi ricordo di una visione particolarmente offuscata, ma ricordo la sensazione di coscienza che va e viene e la sensazione di non essere in grado di muovermi o di respirare; tutte indicazioni di sedazione profonda. Inoltre, è altamente improbabile che tre individui possano ricordare tutti gli stessi dettagli esattamente, o che tutti abbiano esattamente gli stessi dettagli. Quello che veramente guardo in generale sono la coerenza dei dettagli, che tutti coinvolgono un grosso uomo dai capelli castani, e il fatto che tutti abbiamo visto almeno due uomini in quella stanza che controllavano dei documenti. Chiamatelo come volete, ma non può essere una coincidenza.
Sembra, anzi, che abbiano dato a tutti i pezzi di un puzzle ; alcuni di noi con più dettagli di altri, ma tutti formano uno scenario molto simile. Nel mio caso, non posso dire di aver visto nulla che suggerisce sicuramente un omicidio o un individuo specifico. Quello che la mia visione mi ha detto, tuttavia, è che c'era sicuramente qualcun altro nella stanza quella mattina, e che questo individuo assomigliava molto a Tohme. Oltre a questo, non posso dire con certezza che questo uomo ha ucciso Michael, ma il fatto che l'ho visto lì (come ha fatto mia sorella) è stato sicuramente motivo sufficiente per farci credere che fosse un uomo che, se non direttamente responsabile, era almeno complice in qualche modo.

Ma ammettiamo che sia andata così. Questo, quindi, che ci dice di Conrad Murray? E' stato un innocente incastrato, oppure un complice "capro espiatorio", come molti hanno sospettato, disposto a prendere la colpa su se stesso, al fine di tutelare il reale (i) responsabile (magari in cambio di un bel gruzzolo )?

Stefenaik sembra essere del parere che Murray, pur non essendo un bravo ragazzo (certamente era uno che metteva i propri interessi davanti a quelli del suo paziente) non ha commesso l'atto fatale e, forse, non ne ha avuto consapevolezza. La sua visione rivela che una sola persona -Tohme- ha dato il colpo fatale. Se uno crede questo, potrebbe, naturalmente, spiegare perché Murray e la sua difesa erano così entusiasti della "autosomministrazione" di Michael, dato che i suoi avvocati probabilmente teorizzavano che sarebbe stato molto più facile (i creare il dubbio nella mente della giuria e arrivare a una assoluzione) dare la colpa alla vittima, piuttosto che cercare di sostenere che qualcun altro "potrebbe" essere stato responsabile del crimine. Una tale difesa sarebbe stata una scommessa ma impossibile da dimostrare con così poche prove, così spostare tutta la colpa su Michael sarebbe stato una mossa logica per una difesa preoccupata.

All'interno del gruppo di Michael Jackson ci sono sempre state persone che giuravano che Conrad Murray non aveva effettivamente ucciso Michael Jackson. Ci sono molti che ancora credono che la condanna di Murray sia stata semplicemente una cortina fumogena, quella che ha permesso al vero assassino di farla franca.

Io non sono, comunque, così incline a lasciare Murray fuori dai guai. So quello che ho visto nella mia visione. Murray era sulla scena, insieme a Tohme, e credo, assolutamente, che egli abbia ucciso Michael, o che fosse complice con Tohme, forse abbastanza da essere disposto a prendersi la colpa per le azioni di Tohme. Alla fine, sono ancora al cento per cento convinto che Murray meritasse di essere processato e condannato. Ma è inquietante pensare che la misera condanna per omicidio colposo di Murray a due anni di carcere possa essere stata, in effetti ,soltanto una copertura per qualcosa di molto più sinistro.

Non so se ci potremo mai davvero conoscere la piena verità su quello che è successo a Michael Jackson. La polizia di Los Angeles, per ora, sembra abbastanza contenta di aver chiuso quel capitolo con la condanna di Conrad Murray. Ciò non significa che molti di noi sono disposti a rinunciare alla ricerca delle risposte, comunque. Qualunque cosa si pensi delle visioni che Stefenaik, io e mia sorella abbiamo avuto tutti in comune, sono convinto che non può essere una coincidenza che tutti affermiamo di aver visto lo stesso uomo dai capelli castani nella stanza quella mattina. Qualcosa o qualcuno ha voluto che noi lo vedessimo, e sento che ha voluto che questa storia fosse raccontata, anche se, forse, le probabilità di essere creduto (e tanto meno seguito), potrebbero essere scarse. Gli spiriti che hanno subito morti traumatiche, comprese le vittime di omicidio la cui morte è stata occultata o i cui omicidi non sono mai stati risolti, sono tra i più irrequieti tra gli spiriti. Vogliono che le loro storie vengano raccontate, e di solito non possono essere in pace o andare avanti fino a quando non succede.

Non pretendo che questo libro abbia tutte le risposte, e qualche volta l'ho preso io stesso con le pinze. Tuttavia, ci sono alcune cose che non possono essere spiegate. Ho "visto" le cose che questa autrice sostiene anche lei di aver visto, e questo è abbastanza per convincermi che c'è certamente qualcosa , anche se non so spiegare esattamente cosa sia quel "qualcosa" Io so abbastanza per convincermi che il capitolo finale di ciò che è realmente accaduto a Michael Jackson non può essere chiuso fino a quando il dottor Tohme Tohme è ancora libero. Per lo meno, le sue azioni di quella mattina meritano di essere investigate e prego che arriverà il momento in cui sarà rivelata la verità. Fino ad allora, l'omicidio di Michael rimane, per quanto mi riguarda, un caso aperto.


Questo libro non sarà per tutti. Non solo il suo soggetto è una questione controversa, ma come molti libri auto-pubblicati, avrebbe potuto avere un migliore editor. I numerosi errori di battitura, di ortografia e gli errori di punteggiatura creano un po 'di distrazione, a volte, ma se si trascurano i difetti editoriali, è certamente una lettura avvincente e solleverà molte domande inquietanti su ciò che è realmente accaduto a Michael, la mattina del 25 giugno, 2009- e perché. Il consiglio che viene dato spesso sui libri di questo tipo è, allo stesso modo, il miglior consiglio che posso dare qui: leggetelo e giudicate voi stessi.

ORIGINAL TEXT
BOOK REVIEW: THE MURDER OF MICHAEL JACKSON, THE COVER UP AND CONSPIRACY BY DEBORAH STEFENAIK by Raven