sabato 18 luglio 2015

La Federazione di Musicisti ha presentato una querela contro la Sony Music per "This Is It"


L'American Federation of Musicians ha citato in giudizio Sony Music Entertainment con l'accusa di violazione di contratto nel documentario di Michael Jackson "This Is It".

La causa, depositata in un tribunale federale di New York, sostiene che gli artisti sono stati indotti in errore al momento di registrare il lavoro per "This Is It" che era stato creduto essere per un disco fonografico al posto della colonna sonora di un film.
Sony non ha fornito nessuna risposta ad una richiesta di commento.

"L'accordo di lavoro di registrazione del suono, che Sony ha firmato, copre solo le sessioni di registrazioni sonore e vieta la registrazione di colonne sonore di film", ha detto il sindacato.
Il presidente de AFM International, Ray Hair, ha detto che Sony avrebbe rifiutato di firmare una lettera che consente loro di utilizzare l'accordo di AFM Motion Picture per questa sessione di registrazione. Come risultato, i musicisti non hanno ricevuto il pagamento per diritti d'autore dal film diretto da Kenny Ortega che ha incassato oltre 260 milioni dollari in tutto il mondo.

"Un fan può chiedersi che differenza fa se i musicisti registrano sotto un contratto o un altro, ma fa una grande differenza per i musicisti che cercano di guadagnarsi da vivere", ha detto Hair. "I musicisti si sono uniti per creare standard di settore ed è semplicemente inaccettabile che aziende avide non rispettino tali norme negando la riscossione dei diritti d'autore. "
L'azione legale accusa anche Sony del rifiuto di effettuare ulteriori pagamenti della versione di "Bad" del 2012 di Pitbull e il campionamento delle canzoni di Jackson come "Billie Jean" e "Man in the Mirror" in "This Is It".

"Non volevamo andare in tribunale, ma Sony ha ripetutamente rifiutato di fare la cosa giusta e di pagare equamente i musicisti di quando dovuto", ha detto Hair.
L'AFM chiede un risarcimento danni per violazione contrattuale, compreso il pagamento degli stipendi e dei benefici che avrebbero dovuto ricevere i musicisti.