giovedì 2 luglio 2015

HIStory (anniversario 20 anni): l'incontro segreto fra Michael Jackson e Prince by Damien Shields


HIStory (anniversario 20 anni): l'incontro segreto fra Michael Jackson e Prince, e altri ricordi dagli ingegneri del suono del Re del Pop

Oggi segna 20 anni da quando l'album più audace, provocatorio, controverso, personale, ambizioso, e, a mio parere, l' album più sottovalutato di Michael Jackson,è stato rilasciato. Originariamente pensato come un greatest hits con poche nuove canzoni, HIStory divenne infine un capolavoro di doppio cd con 15 canzoni.

L'album è stato ovviamente molto importante e per Jackson - un'autobiografia musicale, se vogliamo. Dal momento che Jackson stesso non è qui per godere delle celebrazioni per il 20mo anniversario dell'album, e i co-esecutori della sua Estate e Sony Music hanno scelto di non ricordare la sua uscita, ho deciso di entrare in contatto con i collaboratori che hanno lavorato man mano con Jackson all'album, in modo da dare a loro l'opportunità di condividere un paio di aneddoti e approfondimenti dei giorni in cui lavorarono a HIStory . Gli ingegneri di studio Brian Vibberts e Brad Sundberg sono stati abbastanza gentili da voler collaborare. I loro contributi sono i seguenti:

L'ingegnere Brian Vibberts su HIStory e l'incontro di Michael e Prince.
Questo album è arrivato in un momento in cui Michael Jackson poteva fare tutto quello che voleva in modo creativo senza preoccuparsi del budget. Nelle parole di Jurassic park, lui, non "badava a spese ..." Registrazioni di cori, orchestre, molteplici chitarristi e batteristi per ogni canzone in modo da poterli scegliere su misura, la possibilità di utilizzare più studi di registrazione.

Siccome Michael non doveva preoccuparsi del bilancio, era libero di usare la sua immaginazione e di esplorare i paesaggi sonori con suoni e ritmi diversi. Questo tipo di esplorazione richiede tempo e, in studio, il tempo è denaro; soldi spesi!

Il 14 luglio del 1994, Prince venne a trovare Michael nel primo pomeriggio per discutere di registrare una canzone insieme. Questo avveniva 5 anni dopo il rilascio del singolo di Prince e Madonna "Love Song", quindi era probabilmente più aperto all'idea dei duetti. Michael e Prince avevano discusso di fare una canzone insieme anni prima (la canzone era "Bad"), ma nulla era poi stato fatto.Quel giorno, Prince arrivò con due mastodontiche guardie del corpo. I tre camminarono diritti verso di me e dentro la sala dove si trovava Michael, che era la sala 3 all'Hit Factory studio al 421 West della 54ma strada a New York City. Fu un incontro privato, così io continuai a lavora nello sala 4 - lavoravo su nuova musica per HIStory .
Prince parlò con Michael per qualche ora e poi ripartì. Quella notte, Prince faceva uno spettacolo al Palladium al 126 Est della 14ma strada, per un pubblico di circa 2500-3000 persone.
La track list di Prince per quella sera:
1- Gold
2- The Jam
3- I Believe In You
4- Endorphinmachine
5- Space
6- Days of Wild / Hair
7- Now / Babies Makin’ Babies
8- The Most Beautiful Girl in the World
9- Billy Jack Bitch
10- Papa
11- Love Sign (con Nona Gaye)
12- Shhh
13- Mary Don’t You Weep (con Vernon Reid dai Living Colour e Lenny Kravitz)
14- None of Your Business (con Vernon Reid dai Living Colour e Lenny Kravitz)
Bis: Get Wild

Prince ci fece visita soltanto una volta durante le sessioni di HIStory. Non sono a conoscenza di canzoni, scritte o registrate per questa potenziale collaborazione, e purtroppo non esiste alcun duetto registrato dei due.

Come nota a margine, siccome sono un grande fan di Prince e naturalmente di Michael, avrei davvero voluto che questa collaborazione accadesse! Credo che sarebbe stato fantastico. Michael e Prince avrebbero portato il meglio di se, de l'uno e dell'altro, musicalmente parlando.

Credo che HIStory sia stato il primo album che Michael ha fatto in piena libertà e controllo creativo. Avendo più studi che lavorano allo stesso tempo era in grado di andare da una stanza all'altra per tutta la Hit Factory e far scorrere l'energia creativa in ogni dove.
C'erano diverse belle canzoni a cui abbiamo lavorato insieme, il tutto a vari stati di completamento. Credo che Sony dovrebbe rilasciare un pacchetto commemorativo di quest'album con un disco in più che contenga queste canzoni non completate.
L'idea dell'album era partita con un greatest hits, con tre nuove canzoni, e poi è diventato un album a se stante, con 15 nuove canzoni fra cui capolavori già noti di Michael.
Sono sinceramente orgoglioso di aver fatto parte della squadra di HIStory ."
- Brian Vibberts, Ingegnere .
--------------
Brad Sundberg : il Re del Pop e le bufere di Neve di HIStory
Brad e HIStory : "Quando Damien mi ha chiesto di contribuire a questo articolo su HIStory, ho iniziato di nuovo a pensare al progetto. Venti anni sono passati più velocemente di quanto vorrei ammettere, ma mi sento come se fosse accaduto la settimana scorsa.

Ci sono due ricordi molto vividi che ho dalle prime ore del progetto: Uno la neve, e l'altro il tribunale federale.

Quando siamo arrivati a New York , i primi di gennaio del '94, la città era sotto una bufera di neve dietro l'altra. Mi sembra di ricordarne almeno 16. Per un ragazzo della California come me era pura magia! Amo la neve - ma soffro il freddo, per cui dovevo coprirmi molto con il cappotto e tenere la testa ben nascosta dentro. Comunque, mi sono divertito molto.

A poche settimane dall'inizio del progetto, alcuni facenti parte dei team - tra cui Michael e io - erano stati convocati a Denver per testimoniare in un Tribunale federale , riguardo una ridicola querela di plagio su "Dangerous" . Non potrò mai dimenticare come il team legale di Michael ci preparava per la testimonianza. Sapete cosa dicevano? "Dite la verità, niente di più, e limitatevi a si o no. Ma la cosa più importante - dite la verità ".

E tutto infatti si svolse il mondo molto tranquillo e onesto. Certo ero nervoso - ero in una Corte Federale, dopo tutto! Ma non avevamo nulla da nascondere. La testimonianza di Michael fu divertente, accattivante e onesta. Credo di aver anche testimoniato bene.

Era una specie di strano inizio per il progetto di HIStory , ma ci ha permesso di creare un sacco di storielle su cui ridere per ore e che ci hanno accompagnato per tutto l'anno - in studio.

E' stato piacevole vedere New York, ricoperta da una coltre bianca di neve. E' stato gratificante lavorare con un team legale che non cercava nessun escamotage e insisteva perchè venisse detta solo la verità. E' stato sempre un giorno ottimo, quando Michael entrava dalla porta e mi salutava con un abbraccio. E' stato un anno davvero buono.
- Brad Sundberg, Direttore tecnico di studio.

LINK TRADUZIONE MJGW FORUM
ORIGINAL TEXT: HIStory 20: Michael Jackson’s secret meeting with Prince, and other memories from the King of Pop’s recording engineers by Damien Shields