sabato 18 luglio 2015

I tributi dei Fan di Michael Jackson nella settimana del 25 giugno by Syl Mortilla

Infiammarsi:I tributi dei Fan di Michael Jackson nella settimana del 25 giugno

Abbiamo tutti a che fare con la settimana del 25 giugno a modo nostro. In passato, il dolore sordo ha provocato una rabbia in me per l'ingiustizia della morte di Michael tale da mascherare la mia disperazione. Quest'anno è stato diverso. Ero sopraffatto da una tristezza onnicomprensiva e sono stato seduto depresso al buio per giorni, non in grado di entrare in contatto con il mondo fisico, senza occuparmi della tristezza di cui i social media erano saturi e nei quali la nostra comunità ha riversato strazianti, inutili tributi.

Un paio di giorni fa, la nebbia ha cominciato a sollevarsi e sono riuscito a tramutare la devastazione dei giorni precedenti in un poema per Michael.


A causa di questo momento di vuoto, ho perso alcune incredibili iniziative dei fan, che ora sto cercando di recuperare se pur in ritardo . L'intervista di MJCast con Darren Hayes è indubbiamente stata il punto forte.

La totale professionalità, con cui Q e J (o 'The Cats MJ ", come mi piace chiamarli), si comportano, fa si che lo spettacolo sia una delizia per gli occhi. Un fattore che indubbiamente permette loro di raggiungere enormi successi, come l'essere riusciti ad avere Thomas Mesereau e Darren Hayes come ospiti speciali. Il secondo, è stato poi coinvolto nella trasmissione del 25 giugno .

E Darren non delude. Lui risponde ,candidamente, sapientemente e con una sincerità tangibile sul suo amore per Michael. I suoi ricordi di essere stato vittima di bullismo a scuola e di abuso in casa, prima di salvarsi trovando un modello a cui ispirarsi e che gli permettesse un evasione, quale è stato Michael, sono molto incisivi . E questo è perfettamente riconoscibile.
Sono contento di non averlo ascoltato quel giorno, perché me ne sarei perso la maggior parte singhiozzando. Sto piangendo anche ora solo a scriverne . E mi è successo anche con Q , un pianto catartico, mentre anche lui soffocava le lacrime. Anche se a diecimila miglia di distanza, mi sentivo come se stessimo consolandoci a vicenda nella stessa stanza.

Ma , poi, ho iniziato ad infiammarmi di nuovo.
Quest'anno segnava il 20mo anniversario della pubblicazione dell'album HIStory. Il primo singolo uscito fu Scream. Jimmy Jam ha recentemente ricordato di come la pedanteria di Michael nel raggiungere il suono perfetto nell'applauso di Scream fosse quasi esasperante.

Durante la trasmissione, Darren accenna alla decisione dell'Estate di guadagnare sulla musica inedita di Michael - rivelando come questo indebolimento del lavoro di Michael lo abbia spinto a modificare le sue volontà in modo che simili atrocità non possano essere attuate sulla sua arte dopo la sua la morte.

L'album HIStory è una protesta su più fronti contro il trattamento ingiusto. Scream una replica aggressiva. Childhood una ricerca di empatia. Nel disco si fa riferimento sia al pacifista Martin Luther King che al militante Malcolm X .

Immagini di protesta pacifica diventano totemiche - immagini, come la fotografia di Jan Rose Kasmir nel corso di una manifestazione contro la guerra del Vietnam del 1967, nella quale mette un fiore ad una baionetta. Michael ha incorporato l'emblema nelle esibizioni di Earth Song nel tour HIStory.
Eppure i bambini vietnamiti hanno continuato a essere bruciati dal napalm per altri otto anni.
La forza bruta è arbitrariamente è usata da coloro che occupano posizioni di potere, nella convinzione che la maggior parte delle persone sono così lontane dalla verità, da bersi ingenuamente una propaganda accomodante come l'immagine di Kasmir, invece di infuriarsi a sufficienza da utilizzare metodi più aggressivi di protesta .

La rivolta ignorata per un senso di giustizia è intrinseca al concetto di umanità. Non si tratta delle minoranze scontente che reagiscono in modo eccessivo quando si sentono spinte a utilizzare mezzi aggressivi. L'Estate è accusata di aver ottenuto in modo fraudolento il controllo della volontà di Michael. E ora si crogiolano nella loro avidità.
Protestare passivamente contro la rovina dell' eredità artistica di Michael non cambia le cose. Sì, la rabbia da sola può ottenere molto . Ma che gli sforzi provengano da più fronti nell' esigere qualità dall'Estate, è un elemento cruciale.
L'aggressività può essere un catalizzatore. Il cambiamento richiede sia fiori che fuoco.
Come parte del mio recupero, ho inevitabilmente incontrato il rovescio della medaglia dei tributi d'amore -l'annuale risveglio del Mostro BELIEver. Non contenti di rubare illegalmente le fotografie di Harrison Funk su coloro che si trovavano alla tomba di Michael il 25, hanno poi utilizzato le immagini per promuovere la loro contorta ideologia . Il mostro BELIEver ha bisogno di essere decapitato.
Vedete?
L'aggressività ha il suo posto.