domenica 22 marzo 2015

La domanda che preferiremmo dimenticare : e " SE " ? by Raven


Nel corso degli anni, LunaJo67 ci ha dato alcuni video incredibili. I suoi instancabili sforzi hanno contribuito a costruire un'enorme inestimabile ricerca senza fine per capire che cosa è realmente accaduto a Michael Jackson. Tuttavia, l' ultimo porta con sé un sacco di ricordi dolorosi.

Anche se non è qualcosa cui alla maggior parte dei fan di Michael Jackson piace soffermarsi , rimane forse uno dei più grandi "SE" che si nasconde nelle nostre menti. Cosa "se" il verdetto fosse stato diverso nel 2005? Cosa sarebbe successo a Michael? Come sarebbe stata la sua vita ?

Nel corso degli anni ho visto due distinte scuole di pensiero su questo argomento, non necessariamente dei fans i, ma nella gente in generale. E ci possono essere più o meno due possibilità: o sarebbe vivo oggi il buon senso pensa che la vita carceraria lo avrebbe costretto a ripulirsi e ad un regime rigoroso, che non avrebbe incluso l'accesso al propofol e il dottor Murray, ovviamente), o sarebbe morto anche prima . Alcuni pensano che si sarebbe suicidato in carcere. 

Anche alcuni membri della sua famiglia hanno espresso questa convinzione. Altri credono che il suo spirito sarebbe stato così devastato che sarebbe morto; forse non un suicidio immediato, ma alla fine, rifiutando cibo e cure mediche, sarebbe finito in una spirale verso il basso, con lo stesso risultato finale. Peggio ancora, sarebbe stato vulnerabile ad attacchi di altri detenuti, anche se isolato.
Michael era più forte di quanto molte persone credono. Ma il suo spirito gentile sarebbe sopravvissuto a più di 20 anni di prigione?
Ho due opinioni su questo. Da un lato, credo che Michael Jackson era più forte di quanto la gente ritenesse. Ha detto di avere una pelle da rinoceronte , e certamente lo ha dimostrato tutta la sua vita per quanto era in grado di sopportare. Anche se ingiustamente condannato, l' ho visto volgere questa opportunità verso sé stesso, per aumentare , forse, la sua fede in Dio. 

Avrebbe potuto anche scrivere alcuni dei suoi più grandi lavori perché sicuramente, l'esperienza avrebbe alimentato sia la rabbia amara che l'ha portato ad opere brillanti come "They Do not Care About Us", o l'intensa riflessione di pezzi come "Will You Be There." Tuttavia, la verità è più probabile è che l'umiliazione di essere condannato e condannato per sempre nella mente del pubblico come molestatore di bambini sarebbe stato troppo. Tutta la sua vita era stata costruita sull'adorazione del pubblico e la ricerca eterna dell' amore. Era importante per Michael essere amato; era, semmai, la guida più forte della sua vita. 
A dire il vero, credo che i suoi fan gli sarebbero rimasti fedeli , anche se fosse stato condannato. Credo che, anche a fronte di una condanna, la maggior parte sarebbe rimasta convinta di un'ingiustizia. Ci sarebbe stata una levata di scudi, di sicuro; una protesta contro le ingiustizie del sistema. Ci sarebbe stata unità e richiesta di ricorsi; c'è una ragione, dopo tutto, per cui i fan di Michael si definiscono i suoi "soldati dell'amore."

Tuttavia, quegli uomini e donne della giuria fossero riusciti a riconoscere l'assurdità delle rivendicazioni di Arvizo e quelle prove ridicolmente inventate dal DA, sarebbe stato molto diverso, essere un fan di Michael Jackson. Colpevole o no, c'è l'idea di una convinzione che porta il fetore di ufficialità. Certo, ogni fan MJ può dire che è stato difficile, in ogni caso, visto che è stato condannato dall'opinione pubblica, con o senza una condanna. 
Ma la realtà è che il verdetto "non colpevole" ha permesso alla sua reputazione un rimbalzo. A causa di questo verdetto, anche coloro che pensano che "avrebbe" potuto farlo non potrà mai dirlo con certezza al 100%, e quindi (almeno in teoria) a Michael Jackson fu concesso il beneficio del dubbio, che ha permesso alla sua reputazione, soprattutto postuma- di sopravvivere.

Questo non sarebbe mai successo se fosse stato condannato. La macchia di essere un "molestatore condannato di bambini" e un "criminale condannato" avrebbe per sempre offuscato il suo nome, e la morte non l'avrebbe cambiato. E mentre i suoi vecchi fan avrebbero potuto essere rimasti fedeli, è dubbio che avrebbe acquisito nuovi fan o che la reputazione dei suoi anni di gloria lo avrebbe sostenuto nel nuovo millennio. 
La sua musica e i film sarebbero del tutto scomparsi dal lessico pubblico, piuttosto che continuare a essere scoperto e amato. A dire il vero, c'è ancora una minoranza molto scontenta della popolazione che crede che questo avrebbe dovuto essere il destino della sua eredità, e sembra che stiano lavorando instancabilmente in tal senso (con scarsi risultati, si potrebbe aggiungere), ma il fatto è che non è accaduto perché non è stato condannato. 
E anche se alcuni prosperano sull'idea di riscrivere la storia (ho il sospetto per la propria presunta gloria) la verità è che una giuria di coetanei di Michael Jackson ha stabilito quella mattina del 13 giugno 2005, che le accuse contro di lui non erano state dimostrate. 
Michael Jackson era un uomo libero. 
Ma la ricostruzione della sua vita dopo un simile calvario non è stata facile. Alla fine, alcuni dicono che gli Arvizo e Tom Sneddon hanno ottenuto ciò che volevano, comunque. Il mondo crudele che sbavava sulla sorte di Michael Jackson non poteva sapere che aveva solo poco più di quattro anni di vita, in base al piano di Dio, in ultima analisi, andando oltre gli interessi di un pubblico ministero zelante, una famiglia che ne ricavava oro e i media ubriachi del loro stesso potere.

Mi ricordo quando questa clip della CNN è andata in onda ai primi di giugno del 2005. Guardando ora è un ricordo crudele di quanto i media sbavassero alla prospettiva di una condanna Michael Jackson. Non è l'idea che la prigione della contea di Santa Barbara si stesse già preparando per la possibilità di una condanna di Michael Jackson che è così fastidiosa per me. 
Dopo tutto, ha senso che abbiano messo in atto un piano in base a tale convinzione. Di certo non avrebbero voluto attendere l'ultimo minuto, una ricetta sicura per il caos e il disastro. Tuttavia, questi preparativi erano qualcosa che il pubblico aveva necessariamente bisogno di vedere? E 'ovvio che c'erano grandi convinzioni dell'idea di una possibile condanna di Michael Jackson. L'intera cospirazione dei media per la condanna di Michael era basata su questo fattore guida. Si erano già prefigurati almeno venti anni di infinita succosi gossip sulla vita di Michael dietro le sbarre della prigione, a partire da questo per stuzzicare il pubblico, fornendo il primo assaggio di quella che sarebbe stata la vita quotidiana di Michael . 
In questi giorni, non posso vedere un tabloid ienza leggere che "OJ sta morendo in carcere" o che "OJ è diventato gay in carcere" o altri titoli a scelta, di solito accompagnati da foto della prigione destinate a farlo sembrare sadico, psicotico, orribile, patetico e ridicolo, o tutti e cinque insieme. 
Ovviamente, queste storie vendono. Se non lo facessero, i tabloid cesserebbero di pubblicarle. Questo è stato il futuro molto redditizio che hanno immaginato con una condanna di Michael Jackson.

C'era qualcos'altro in gioco, anche. I media non sbavavano solo alla prospettiva della condanna di Michael Jackson, ma per l'idea di vedere Michael in qualche modo spogliato della sua supposta arroganza . Notate come Jim Thomas e Dan Abrams praticamente gongolavano sulla dichiarazione che non ci sarebbe stato "un ombrello per Michael Jackson , o che non gli sarebbero stati permessi bracciali. Come al solito, queste cose sono state viste come nulla di più significativo che le eccentricità di una pop star viziata. Mi chiedo se avrebbero provato una qualche vergogna se fosse stato detto che gli ombrelli erano per proteggere Michael, malato di vitiligine, perché non rimanesse vittima di una scottatura solare potenzialmente fatale, o che i suoi bracciali consueti erano per rappresentare la sofferenza dei bambini del mondo. In qualche modo, ne dubito.

Questo stesso senso di "sfregamento" è ulteriormente enfatizzato dalla necessità di rendere noto che a Michael sarebbe stata negata la cauzione, e che alla fine il suo destino sarebbe stato quello di essere collocato accanto a criminali incalliti psicotici nel sistema carcerario dello stato della California come Charles Manson e Sirhan Sirhan .

Con tali paletti nella condanna di Michael Jackson, è da meravigliarsi che i media abbiano messo la coda tra le gambe siano stati tranquilli in una città fantasma una volta il verdetto è stato annunciato?

Ricordo bene quei giorni. In seguito alla sentenza del 13 giugno, ci furono giorni di indignazione prevedibile dei media e di contraccolpi sul verdetto . E poi ... il silenzio. Ho aspettato almeno un pezzo che dicesse, "Congratulazioni, Michael, per essere sopravvissuto ad una prova così ingiusta. Che farai ora? "

Invece, è stato come il proverbiale struzzo che nasconde la testa sotto la sabbia. Wow che imbarazzo! Okay,togliamoci la polvere di dosso. Avanti per la prossima storia !


In questi giorni, mentre l'eredità di Michael è onorata e celebrata, i terribili eventi del 2005 sono sempre più sfocati e più lontani nella memoria. Questo è un bene in un certo senso. Ma anche, è bene non dimenticare mai. 
Come in tutti i capitoli oscuri di qualsiasi passato storico, c'è la necessità di andare avanti, ma anche la necessità di ricordare. Nel giugno del 2005, il destino di Michael era nelle mani di quei dodici uomini e le donne della giuria. La vita di un uomo innocente era in bilico, e poteva cambiare quel giorno. Non c'è debolezza nel mantenere viva quella memoria; la debolezza è nel permettere che si dimentichi.

ORIGINAL TEXT: