domenica 22 marzo 2015

INTERVISTA - Michael a Wonderland


1980 Michael Jackson, 'Il Sinatra nero dei Novanta', o piuttosto in cerca di una via di fuga verso il cielo? 

 Steve Demorest arriva a parlare con lui attraverso Janet Jackson, la sorella 13enne. La voce che si alzava dalla costa era una piuma morbida come un bambino. Era Michael Jackson, che chiamava con le regole di base per la nostra intervista. 

 CBS International mi aveva già messo in guardia su domande che comparavano i Jackson con simili imperi dell'intrattenimento per famiglie con un sacco di denti bianchi e speciali televisivi ... diciamo, le lusinghe Mormoni ... dallo Utah. 

Certo, ho capitolato e io non gli chiederò cosa pensa di Boudelaire o dell'Afghanistan . Qualcos'altro? Sì, mi è stato detto di aspettarmi una chiamata personale di Michael, e fu così - Bell Telephone . Con una condizione. Voleva che facessi le mie domande a sua sorella. Poi lei avrebbe ripetuto le domande a lui. 

Lui ha detto che doveva fare "qualcosa in cui credeva". Oh, vuoi dire che lascio lì le domande e recupero il nastro più tardi, ma non sono lì durante l'intervista? No, ha detto, avrei potuto essere lì e mi avrebbe risposto. Hmm, ho pensato, questa triangolazione è nuova per me. 
Di cosa dovrebbe avere paura? Certo, dissi alla fine, qualunque cosa se ti fa stare tranquillo. Strano.

VISUALIZZA INTERVISTA COMPLETA

VIEW ORIGINAL TEXT